Gestire i Run Level

I Runlevel (/etc/rcX.d con la X da 0 a 6) sono cartelle che rappresentano vari profili di sistema, i quali permettono l’avvio automatico dei servizi:

  • Il runlevel 0 serve ad arrestare il sistema. In sostanza corrisponde ad uno stato in cui nessun programma è in esecuzione (e la macchina è spenta).
  • Il runlevel 1 è detto Single user mode (“modalità ad utente singolo”): in questo stato non vi sono programmi in esecuzione in background, e nessun utente oltre all’amministratore ha accesso al sistema, per cui esso è sotto il suo pieno controllo. È utile, ad esempio, per eseguire attività di manutenzione come controlli sui dischi o aggiornare file di sistema, dato che vi è la certezza che nessun processo li stia utilizzando e che nessun utente possa intervenire all’insaputa dell’amministratore.
  • I runlevel dal 2 al 5 sono detti  Standard modalità multiutente. In generale, tutti i normali servizi siano stati avviati, ad eccezione del Network File Service (NFS) e qualsiasi servizio che si basa su NFS essere disponibili.
  • Il runlevel 6 serve a riavviare il sistema. È simile al runlevel 0, con la differenza che al termine dell’inizializzazione, la macchina viene riavviata piuttosto che spenta.

Per gestire i runlevel ci viene in aiuto un’applicazione grafica, Bum.

Per installarlo basta che digitate:

sudo apt-get install bum

oppure tramite Synaptic, cercando il pacchetto bum .

Permette di:

  • Abilitare e disabilitare un servizio;
  • Editare la tabella Init.

Per lanciare il programma, basta che andate in Sistema > Amministrazione > Boot-up Manager.

schermata-boot-up-manager

Questo programma è stato creato da Fabio Marzocca, membro del consiglio della comunità di ubuntu-it.

Oltre a Bum, esiste anche un programma utilizzabile tramite linea di comando, sysvconfig.
schermata-salvatoresalvatore
Per installarlo basta che digitate il seguente comando:
sudo apt-get install sysvconfig

oppure tramite Synaptic, cercando il pacchetto sysvconfig.

Per avviarlo basta che digitate nel terminale (Applicazioni > Accessori > Terminale) il seguente comando:
sudo sysvconfig

Molto semplice da utilizzare permette di:

  • Abilitare o disabilitare i servizi;
  • Editare i link individuali;
  • Ripristino tramite backup.

ciao

Questa voce è stata pubblicata in Guide, Guide-Ubuntu e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Gestire i Run Level

  1. dapicester scrive:

    ciao, veramente sysv-rc-conf e sysvconfig sono due programmi diversi.

  2. totò scrive:

    Hai ragione, è stato un’errore, grazie per la segnalazione

    Ho corretto l’errore

  3. bekkio scrive:

    scusate ma sono abbastanza newbie…
    se io dovessi far partire uno script prima che ubuntu rilevi la scheda del wireless, a parte creare il file dello script appunto, devo riuscire a capire quando lo lancia…e in questo sapere il runlevel mi aiuta?
    come faccio a dargli la più alta priorità possibile?

  4. totò scrive:

    Prima di tutto devi mettere lo script nella cartella /etc/init.d, usando il seguente comando nel terminale (Applicazioni > Accessori > Terminale):
    sudo mv tuoscript /etc/init.d/tuoscript

    infine crei un link simbolico:
    sudo ln /etc/init.d/tuoscript /etc/rc2.d/S99tuoscript

    al prossimo avvio lo script viene avviato

    puoi attivarlo senza fare il riavvio tramite uno dei programmi descritti, selezioni il tuo script e lo spunti per attivarlo

  5. bekkio scrive:

    ok l’ho messo la prossima volta che riavvio vedo se ha funzionato…intanto ti chiedo una curiosità:
    il riconoscimento delle varie componenti hardware è inserito nella lista dell’avvio o è uno script “blindato”, ovvero che non è possibile gestire se non agendo sul kernel? probabilmente è una domanda stupida ma sai, i niubbi…:P
    in ogni caso grazie mille!

  6. bekkio scrive:

    niente da fare, lo script parte ancora troppo tardi…ho notato che il led del wifi si accende dopo che ha finito di caricare la barra col logo di ubuntu, mentre se non ricordo male il riconoscimento della scheda veniva fatto quando ancora la barra era all’inizio…quindi dovrei riuscire ad andare ancora più a monte…

  7. totò scrive:

    Forse per la Wi-Fi è diversa la procedura, purtroppo non so aiutarti.

    ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Sorriso  Occhiolino  Felice  Risata  Linguaccia  Ghigno  Saluti  Broncio  Triste  Scioccato  Fico  ???  Occhi al cielo  Imbarazzato  Bocca cucita  Indeciso  Bacio  Piange  Sisi  Nono  Su!  Giu  Birra  Dorme  Matto  Spam  Ot

*

seventy eight ÷ thirteen =

Related Post by category:

  1. Upgrade da Lucid Lynx a Precise Pangolin
  2. Aggiungere lo screensaver su Precise Pangolin LTS
  3. Asus X51RL
  4. Convertire i pacchetti .rpm in .deb
  5. Aggiornamento a WordPress 3.0
  6. Atheros AR242x e Jaunty Jackalope
  7. WordPress e W3C
  8. Atheros AR242x
  9. Scanner Canon N640P
  10. Scanner Epson V10